Prodotti trattati

Prodotto differenziato = prodotto recuperato

Trattandosi di grassi e oli animali e vegetali che residuano dalla cottura di cibi prodotti da tre settori:

  • ristorazione: 20%
  • industriale: 30%
  • privato (utenze domestiche): 50%

S.E.B. SRL si è specializzata, nel tempo, nella raccolta, trasporto, stoccaggio e avvio allo smaltimento degli oli esausti anche a livello domestico, grazie a convenzioni strette con decine di comuni del Veneto per la realizzazione di "punti raccolta olio" tramite il posizionamento di campane adibite allo scopo, in siti che consentono di operare in sicurezza e nel rispetto dell'ambiente, alle quali il cittadino può accedere liberamente. A testimonianza, vari progetti avviati in collaborazione con Veritas spa, Etra spa, Ecoambiente srl, Alto Vicentino Ambiente srl e molti altri.

Gli Oli vegetali esausti: perché è importante recuperarli

L'olio vegetale esausto è il residuo derivante dalla cottura degli oli e dei grassi, se disperso nell'ambiente è da considerarsi un' importante fonte di inquinamento, un litro di olio o grasso disperso in acqua inquina una superficie di 1000 mq, impedendo una normale ossigenazione delle acque stesse; nel terreno si può depositare sulle radici impedendo loro di assorbire gli elementi nutritivi; con l'azione dell'acqua l'olio può essere trascinato nelle falde acquifere dalle quali l'uomo attinge un bene essenziale. Se smaltito in modo improprio questo residuo oleoso provoca inconvenienti anche laddove esistono impianti fognari adeguati, perché può pregiudicare il corretto funzionamento dei depuratori. Se recuperato e gestito con modalità e regola può essere riutilizzato per scopi energetici, diventando quindi una risorsa: il Biodiesel ne è un esempio.

Da rifiuto a risorsa

L'olio vegetale esausto una volta trattato termicamente presso Salgaim Ecologic spa, azienda autorizzata al recupero oli esausti, perde l'identità di rifiuto e diventa materia di recupero. Un corretto sistema di raccolta e di trattamento di tali rifiuti, da parte di aziende autorizzate, ne permette il riutilizzo in sostituzione degli oli vergini in alcuni processi industriali, tra i quali ricordiamo:

  • Lubrificanti per macchine agricole
  • Compostaggio, grassi per concia, produzione di asfalti e bitumi, edilizia
  • negli impianti di cogenerazione (recupero energetico)
  • vari usi industriali (mastici, collanti, ecc.)

Ma non tutti sanno che da questi oli si ricava BIODIESEL, un carburante meno inquinante analogo al gasolio (si usa puro o con carburante minerale) e secondo alcune stime, attualmente circa il 50% dell'olio esausto raccolto viene recuperato per la produzione di biodiesel che potrebbe essere riutilizzato anche in loco come alimentazione dei mezzi pubblici.

Risolvere il problema delle immissioni inquinanti nell'atmosfera rappresenta la valenza e l'importanza del nostro obiettivo.